QUANTO VALE
LA TUA
BIODIVERSITà?

Acqua: Interconnesioni, Biodiversità e Vita

L'associazione

Siamo un gruppo di amici, pescatori ricreativi innamorati del nostro territorio, che nel 2010 hanno deciso di mettersi in gioco in prima persona per tutelare il torrente Toscolano e l'ambiente che lo circonda, nel corso degli anni abbiamo aumentato il numero dei ns soci di poche unità ma tutti animati da passione e volontà di portare a termine il lavoro iniziato. Siamo anche tra i soci fondatori di U.P.BS consorzio provinciale che comprende molte associazioni di pescatori ricreativi.

La filosofia

Riteniamo fondamentale tutelare le specie ittiche autoctone ed in particolar modo la trota fario nel bacino del Toscolano e la trota lacustre "nativa" che dalla notte dei tempi risale il nostro torrente per deporre le uova. L'uomo deve interferire il meno possibile con il ciclo riproduttivo naturale e deve spendersi per tutelarlo nel miglior modo possibile; non deve sostituirsi alla natura ma deve, nei limiti dell'accettabile, integrarla. Consideriamo laghi e fiumi come campi che devono essere coltivati con passione ed amore.

Incubatoio

Ci troviamo nella Valle delle Camerate, sopra Toscolano Maderno (BS).
La nostra struttura è composta da un locale incubatoio dove sono ubicati un embrionatore tipo california, 3 vasche di incubazione a truogolo con 12 vaschette interne e 5 vaschette di svezzamento; esternamente abbiamo 2 vasche per i riproduttori e 6 vasche di accrescimento.

le nostre Attività

Recupero ceppo genetico autoctono della trota fario del bacino del Toscolano

Dopo alcuni anni di ricerche abbiamo trovato nel torrente Vesta, affluente nella parte alta del Toscolano, una piccola popolazione di trota Fario che, da analisi visiva e comportamentale, sembrava abbastanza selvatica. Negli anni 2017 e 2018 con gli ittiologi, un ricercatore del CNR, la Polizia Provinciale ed una guida alpina abbiamo fatto due campagne per recuperare alcuni riproduttori che abbiamo stabulato nel ns incubatoio per utilizzarli come riproduttori; dopo analisi genetica del DNA siamo riusciti a determinare la loro origine un pó indietro nel tempo.

Tutela aria riproduttiva trota lacustre nel torrente toscolano

Da sempre la trota lacustre "nativa" del lago di Garda, quando si avvicina il periodo riproduttivo sente il "fenomeno dell'homing" e risale il torrente per deporre le uova dove lei stessa era nata anni prima. Nel corso degli ultimi 25-30 questo fenomeno è sempre più regredito a causa di eccessiva antropizzazione del torrente, scarse portate di acqua e fenomeni di bracconaggio impunito. Dal 2012 ci stiamo impegnando per tutelare questa risalita riproduttiva monitorando e censendo i letti di frega (aree in cui vengono deposte le uova).
La Trota Lacustre del Garda

Progetto L.A.Cust.R.E

E' la classica dimostrazione di come Enti preposti e Associazioni di pescatori possano collaborare su un progetto ed ottenere ottimi risultati. Con la regia scientifica degli ittiologi dello studio CSBA di Erba (CO) il gruppo di lavoro ha partecipato ad un bando di Fondazione Cariplo presentando il progetto L.A.Cust.R.E. che poi è stato finanziato. Nel periodo 2015-2018 sono stati fatti dei lavori di rinaturalizzazione nel lungo tratto di torrente in cui la trota lacustre risale e depone le uova, eliminate alcune antropizzazioni, creata una scala di rimonta e rinaturalizzate anche le relative sponde.
Sfoglia il Progetto L.A.Cust.R.E.

Promozione e attuazione zona No-Kill delle Camerate

Nel 2012, su nostra proposta, l'Ufficio Pesca dell'allora Provincia di Brescia ha istituito un tratto di pesca No-Kill per sole esche artificiali della lunghezza di circa 900 m nella parte media del torrente.

Recupero e reintroduzione dello "Scazzone"

Nel 2018, tramite U.P.BS, abbiamo presentato a Regione lombardia, che ha approvato, un progetto di recupero e reintroduzione dello scazzone (Cottus Gobio), specie ittica che una volta popolava tutto il torrente mentre oggi è localizzate in aree molto circoscritte. Il ns progetto prevede la nascita di un certo numero di esemplari in incubatoio che verranno poi immessi a fiume con la speranza che riparta il loro ciclo riproduttivo naturale.


Ipotesi di progetto Relazione tecnica

Contratto di fiume

E' uno strumento di Programmazione Negoziata dove Enti preposti e portatori di interesse si trovano per pianificare in modo condiviso le migliori strategie per la riqualificazione dei bacini fluviali. Nel 2016 tutti gli Enti interessati hanno firmato una dichiarazione di intenti per il Contratto di Fiume del torrente Toscolano, nel 2018 sono iniziati i tavoli tecnici e noi siamo parte attiva. In Regione lombardia, dalla data della loro istituzione, ne sono stati attivati solo 4.


Contratto di fiume
Indirizzo

APD La Fario ZPS | No profit
Via Leopardi, 42
25088 Toscolano Maderno (BS)
C.Fisc. 96031470170